Entra nell'area riservata ai clienti di Benegiamo&Associati - dottori commercialisti GIUGGIANELLO (Lecce)

APPROFONDIMENTI

GUIDA ALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE RELATIVA ALL’ANNO D’IMPOSTA 2016. – LE SPESE SANITARIE DETRAIBILI

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 7/E  del 4 Aprile 2017, ha elaborato una Guida alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche relativa all’anno d’imposta 2016.
In particolare ha fornito importanti chiarimenti in ordine alle spese sanitarie detraibili.
 Le spese sanitarie per le quali è stabilita una detrazione d’imposta del 19% possono essere così individuate:

Leggi tutto...

GUIDA ALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE RELATIVA ALL’ANNO D’IMPOSTA 2016. – LE SPESE DI ISTRUZIONE NON UNIVERSITARIA

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 7/E del 4 Aprile 2017, ha elaborato una Guida alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche relativa all’anno d’imposta 2016.
In particolare ha fornito importanti chiarimenti in ordine alle spese di istruzione non universitaria.
Le spese di istruzione non universitaria, con riferimento al periodo d’imposta 2016, saranno detraibili per chi le ha sostenute (contribuente o familiari a carico) con l’aliquota del 19% per un importo, per ogni alunno, non superiore a 564 euro. Le spese detraibili riguardano quelle sostenute per la frequenza di scuole: dell’infanzia (scuole materne), primarie e secondarie di primo grado (scuole elementari e medie), secondarie di secondo grado (scuola superiore) sia statali che paritarie private e/o degli enti locali.
Gli oneri detraibili sono:

Leggi tutto...

Settore agricolo: nuove percentuali di compensazione 2016

L’iva dovuta dai produttori agricoli, in regime speciale previsto dall’art. 34 del DPR 633/72, per la cessione dei prodotti agricoli e ittici, viene determinata dalla differenza tra l’Iva addebitata ai clienti nelle aliquote ordinarie proprie dei singoli prodotti e l’IVA a credito, che deriva dall’applicazione all’imponibile delle stesse vendite di un’aliquota cosiddetta “percentuale di compensazione”.

Leggi tutto...

COMPENSAZIONI IVA

Il credito IVA maturato al 31 dicembre può essere utilizzato in compensazione con altre imposte e contributi (compensazione cosiddetta "orizzontale”), già a decorrere dalla scadenza del 16 gennaio dell’anno successivo, ma solo fino al limite massimo di 5.000 euro.

Leggi tutto...

ALIQUOTE INPS ANNO 2016 GESTIONE SEPARATA

Le aliquote dovute per la contribuzione alla Gestione Separata per l’anno 2016, sono complessivamente fissate come segue:

Liberi professionisti

Aliquota 2016

Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie

27,72%

Soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria

24%

                                           

Collaboratori e figure assimilate

Aliquota 2016

Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie

31,72%

Soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria

24%

ALIQUOTE INPS ANNO 2016 ARTIGIANI E COMMERCIANTI

Con Circolare del 29 gennaio 2016 n. 15, l'Inps ha reso note le aliquote contributive per l'anno 2016 dovute da artigiani ed esercenti attività commerciali.
Aliquote, agevolazioni, reddito minimale e massimale per la gestione artigiani sono riepilogate nella seguente tabella.

REDDITO

ETA’ SUPERIORE 21 ANNI ALIQUOTA

COLLABORATORE ETA’ NON SUPERIORE 21 ANNI ALIQUOTA

Fino a € 46.123

23,10%

20,10%

Da € 46.123 fino a € 76.872 (o € 100.324 per i lavoratori privi di anzianità contributiva al 31/12/1995).

24,10%

21,10%

Aliquote, agevolazioni, reddito minimale e massimale per la gestione commercianti sono riepilogate nelle seguente tabella.

REDDITO

ETA’ SUPERIORE 21 ANNI ALIQUOTA

COLLABORATORE ETA’ NON SUPERIORE 21 ANNI ALIQUOTA

Fino a € 46.123

23,19%

20,19%

Da € 46.123 fino a € 76.876 (o € 100.324 per i lavoratori privi di anzianità contributiva al 31/12/1995).

24,19%

21,19%

LIMITE UTILIZZO CONTANTE

Dal 2016, grazie alla legge di Stabilità si alza da 1.000 a 3mila euro il limite per utilizzare i contanti.
Rispetto al 2015, quindi, il contante potrà essere utilizzato per tutti i tipi di pagamento che sono compresi tra 1.000 e 2.999,99 euro, mentre quelli sopra i 3mila richiederanno o il bonifico bancario, o l’assegno non trasferibile, oppure la carta di credito o il bancomat.

Leggi tutto...

DETRAZIONE AUTO SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

In materia di acquisto e di utilizzo di automezzi la legge concede alle persone diversamente abili l’opportunità di avvalersi di parecchie agevolazioni fiscali.

Leggi tutto...

Il ravvedimento delle rate omesse di avviso bonario

In  caso di mancato versamento di una rata del piano di dilazione prescelto dal contribuente che abbia ricevuto un avviso bonario dall’Agenzia delle entrate, si può usufruire del ravvedimento operoso.

Leggi tutto...

Il ravvedimento dell’imposta di registro

L’istituto del ravvedimento operoso, contenuto nell’art. 13 del D. Lgs. n. 472/97, è uno strumento tipicamente utilizzato dai contribuenti per regolarizzare violazioni tributarie riguardanti gli omessi versamento o le infedeli dichiarazioni al fine di evitare che tali violazioni siano constatate dall’Amministrazione Finanziaria con l’applicazione delle sanzioni in misura ordinaria.

Leggi tutto...

Credits